Al momento stai visualizzando “Guarino è un punto di riferimento per tutti noi”
  • Tempo di lettura:3 minuti di lettura

Il ritorno al successo casalingo porta in dote all’Elettra Marconia tre punti fondamentali per proseguire il cammino nei piani alti della classifica. Al cospetto di un Moliterno volitivo, i rossoblu jonici disputano una prestazione intelligente, sbloccando immediatamente i conti con Ugrotte e chiudendo i conti nella ripresa grazie al sigillo del 2-0 griffato Cubillas:

“Prima di ogni altra cosa, voglio ringraziare Antonio Guarino, una vera bandiera di questa comunità, per essersi messo a disposizione di questa squadra – commenta mister Finamore a fine gara – E’ stato emozionante rivederlo in campo dopo tanto tempo: lui è un esempio per tutti perchè, nonostante gli acciacchi, dimostra con il sacrificio quotidiano dedizione, tenacia, affidabilità e fame sportiva. Per i più giovani è un insegnamento: lo spazio lo si conquista con il lavoro sul campo ogni giorno e la consapevolezza che il proprio contributo incide sulle sorti di tutto il gruppo.
Analizzando la vittoria contro il Moliterno, la priorità era quella di dare continuità ai risultati positivi, così da mettere in cassa i tre punti. Partita di sostanza su di un terreno di gioco reso ingiocabile dalla pioggia battente. Ci voleva una prova del genere, il buon gioco va ricercato altrove, dove è possibile farlo su fondi regolari. Ce ne siamo fatti una ragione e non è un caso che questa squadra ha raccolto più punti in trasferta che in casa.
È un paradosso amaro dover gioire all’arrivo della pioggia e preferire di giocare su un pantano piuttosto che farlo sul fondo asciutto ed irregolare del ‘Michetti’. Quantomeno, tendiniti, pubalgie e infortuni articolari non si verificano e non ci decimano l’organico.
E questa è una condizione a cui dobbiamo fare l’abitudine perché, da come ho capito, risulta un problema non risolvibile sistemare il fondo nonostante la buona volontà di tutti.
Così, consapevoli dei nostri limiti tecnici e strutturali, continueremo a lavorare per trarre il miglior pane possibile dalla farina a disposizione.
Questo – conclude il tecnico jonico- in attesa che ci sia consegnato il nuovo impianto in sintetico, così da poter dare ristoro ai sacrifici che ogni giorno il club fa per esclusiva passione e senso di appartenenza, in termini di economie e tempo da dedicare a questi colori.
Avanti così”.