Al momento stai visualizzando Il messaggio del Presidente: “Puntiamo ad un 2024 di crescita ed entusiasmo”
  • Tempo di lettura:4 minuti di lettura

Il Natale sospende le fatiche del campionato di Eccellenza e l’Elettra Marconia si gode qualche giorno di vacanza dopo l’exploit di Venosa. Il team rossoblù, infatti, conclusi gli allenamenti prenatalizi con la cena societaria, ricarica le batterie in vista di un 2024 che potrà regalare tante altre soddisfazioni alla comunità sportiva di Marconia. Quello che va in archivio è l’anno dei record per la società presieduta da Salvatore Borraccia: secondo posto in regular season nel massimo campionato regionale e finale play-off costituiscono l’apice della storia calcistica marconese, ma la dirigenza jonica non sembra volersi accontentare e punta ad alzare ulteriormente l’asticella degli obiettivi. Ne parliamo con il numero uno dell’Elettra Marconia, prima tifoso, poi presidente, ovvero Salvatore Borraccia.

Presidente, la prima parte di stagione si è conclusa: quali sono le sensazioni al giro di boa, anche in considerazione di un girone di ritorno tutto da vivere?

Sono soddisfatto di questa prima parte di campionato. Credo che la squadra abbia disputato un ottimo girone di andata, durante il quale abbiamo raccolto sicuramente meno punti di quelli che avremmo meritato, soprattutto giocando un buon calcio quando siamo scesi in campo su terreni in buone condizioni. Sicuramente abbiamo sofferto le cattive condizioni del “Gaetano Michetti”, dove abbiamo fornito prestazioni meno entusiasmanti di quelle viste fuori casa.

Come ha risposto la squadra al cambio di guida tecnica? Come reputi le prestazioni della squadra?

Certamente, rispetto allo scorso campionato, la rosa è stata molto rinnovata e altrettanto è stato fatto con la guida tecnica. Una diversa organizzazione, un nuovo modo di giocare hanno richiesto un tempo naturale per assimilare tutte le novità, ma le ultime uscite sono state molto positive e hanno messo in mostra la gran mole di lavoro fin qui svolto, dando i giusti meriti a staff e squadra.

Ti aspettavi un campionato con così tante squadre di vertice?

Sapevamo fin dall’inizio che il livello delle nostre avversarie sarebbe stato molto alto e che molte erano le squadre che si erano attrezzate per puntare fin da subito al salto di categoria. Per cui è venuto fuori un campionato molto equilibrato, con il Francavilla che, al momento, guida il gruppo di testa. Ma sono certo che nulla è ancora deciso.

Cosa ti aspetti dal 2024? Sarà l’anno giusto per il ritorno a casa?

Per il 2024 mi auguro di portare avanti il processo di crescita avviato nel momento in cui ho accettato di guidare questa società, ma soprattutto di poter far ritorno in quella che è la nostra casa naturale, ovvero lo stadio ‘Regina-Mauro’ di Marconia interessato attualmente da lavori di ripristino del terreno di gioco. Sarebbe fondamentale per ambire ad un miglioramento generale, sia per la dirigenza che per la squadra che, finalmente, potrebbe lavorare su un fondo sicuro e che valorizzi gli aspetti tattici sui quali mister Finamore lavora quotidianamente.
Colgo l’occasione per fare gli auguri per le festività natalizie a tutti i tifosi e gli appassionati di calcio di Marconia.